Un infinito solo

Chi non ha mai vissuto età dell’oro
teme le passioni collettive e le notizie rilevanti,
causano più esondazioni di una pioggia fuori norma;
sceglie solo bandiere logorate dal non uso,
e ama le parole screditate da chi ne ha fatto scempio,
genera storie senza sapere in nessun modo
da quale grembo sono originate,
da quale curiosità, da quale vita
o semplice fraintendimento,
un disguido dei sensi, un non capire,
l’embrione di una forma da cui trarre
la passione assurda di scrivere i giorni in-versi.
Si crede a vuoto in ciò che ancora non esiste
per orgoglio o per un sogno ingrato
che non restituisce mai ciò che gli presti.
Si scrive per amore, è il lato positivo,
quello più oscuro è che ti brucia il cuore
quando non sai tradurre la carne viva sulla carta
Si danza per finta, si canta con altre voci
si disegna un mondo che non somigli troppo al vero,
con l’obliquo rispetto di chi non s’immedesima
apolide senza vergogna, esule senza nostalgia,
per ogni raro ritorno verso casa
c’è una ripartenza verso nuovi poliedri sconosciuti,
trasversali viaggi dentro un infinito solo .

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...