IL PAESE FELICE – L’eroe nel mito e nella fiaba da Ercole a Harry Potter

Il mondo della fiaba è il mondo esattamente opposto al mondo della verità e appunto per ciò le somiglia tanto, quanto il caos somiglia alla creazione perfetta.

(Novalis: Frammenti)

Bello l’eroe con gli occhi azzurri dritto sopra la nave
Ha più ferite che battaglie lui ce l’ha la chiave
Ha crocefissi e falci in pugno e blablabla fratelli
(Roberto Vecchioni)
Felice quel paese che non ha bisogno di eroi
(Bertolt Brecht)

Tanto e tanto tempo fa, in un Paese di cui non dirò il nome, c’era una fata un po’ pazzerella, che aveva tante idee e cominciava a fare un mucchio di cose, poi qualche volta le finiva, ma spesso, invece, le lasciava un po’ per aria, fino a quando arrivava un colpo di vento dalla giusta direzione, e allora tutte quelle cose sospese riprendevano vita…

🙂

Ecco, magari non posterò un saggio di filologia romanza, però ho ritrovato tra i miei file più antichi questa vetusta ricerca su un tema che mi appassiona moltissimo, perché il coraggio, se applicato bene, è una delle mie qualità preferite, benché lo intenda in maniera, diciamo, prevalentemente non bellica.
Così sono andata alla caccia delle caratteristiche pèiù affascinanti degli eroi “letterari”, perché il fatto che siano letterari non impedisce (anzi, ha probabilmente come naturale conseguenza) che ciò che amiamo in loro, non lo amiamo soltanto nella nostra immaginazione.
E dunque, ecco l’inizio. Dipenderà poi dalle reazioni se la cosa andrà avanti 😀

/

“Felice quel paese che non ha bisogno di eroi”, diceva Galileo in un dramma di Brecht; e da tempo circola l’idea che “avere bisogno di eroi” sia un segno di debolezza, per un individuo o per una società: ma è davvero così?
Se intendiamo, per eroe, il soldato sprezzante del pericolo, cieco custode della disciplina militare, dell’ubbidienza e della superiorità assoluta del mondo in cui vive rispetto a qualunque altro mondo possibile, la cui missione è quella di uccidere quanti più nemici gli riesce, come il paladino Orlando, probabilmente sì.
Ma esiste un’altra figura di eroe, del tutto diversa, che ha il compito molto più complesso di insegnarci a venire a patti con la nostra umanità.
Una delle difficoltà più grandi per l’essere umano, è quella di accettare la mortalità e l’imperfezione. Per questo troppo spesso deviamo contro gli altri la nostra rabbia e il nostro odio, poiché non possiamo uccidere o colpire né la morte né il nostro dolore.
Questo non è un essere superiore, immortale o vicino all’immortalità. Non è l’incarnazione di un ideale di irraggiungibile perfezione a cui tendiamo e che continuamente si allontana, gravandoci di frustrazione e di rancore.
E’, al contrario, una persona come noi, con le nostre debolezze, i dubbi, la paura di non farcela, l’istinto di ribellarsi ai divieti, ma anche con la nostra determinazione ad affrontare le difficoltà, il desiderio e la capacità di amare, la nostra capacità di trovare in noi le risorse, o anche, quando è necessario, di chiedere aiuto pur sapendo che dovremo dare qualcosa in cambio, e insomma tutto ciò che ci rende umani. Perché – può sembrare un paradosso, ma non lo è – solo amare molto la vita dà la forza di accettare la sua temporaneità. E questa accettazione è ciò che ci rende capaci di lasciarci andare alle emozioni, di non avere paura, qualunque cosa accada, di metterci in gioco fino in fondo per qualcosa che sia davvero importante.
Pensiamo a un mondo senza Prometeo o Eracle, senza Ettore o Lancillotto, Robin Hood o D’Artagnan, e perché no, senza Peter Pan, Huckleberry Finn o Harry Potter, tutti bambini, tutti protagonisti di fiabe anziché di miti o leggende, ma non meno eroi per questo. Non sarebbe forse un mondo meno nobile, meno ricco, meno allegro?

Annunci

4 Pensieri su &Idquo;IL PAESE FELICE – L’eroe nel mito e nella fiaba da Ercole a Harry Potter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...