Lettera a mio figlio

Hai spalle forti, piccolo mio, più forti di quanto tu possa pensare in questo momento. E piedi grandi, che puoi scegliere se farne radici per ancorarti alla terra e a un luogo in particolare o mezzi per esplorare il mondo, o più probabilmente entrambe le cose, perché è vero che le scelte sono inevitabili nella vita, ma è importante anche sapere che possiamo scegliere più cose, avere più passioni, coltivare più talenti. L’importante è accogliere e nutrire la nostra curiosità, sempre.

Hai occhi grandi e scuri, con cui fai domande e troppe volte ti dai anche le risposte, del resto quando si è piccoli le risposte sono più importanti delle domande. Quanto siano preziose le domande, tanto più, a volte, nel loro essere insolubili, lo si impara col tempo, quando si scopre che è quello che ti spinge a cercare che importa, per dare senso alla vita,molto più che trovare quello che cerchi.

Hai braccia che stringono con quel bisogno immenso che hai di affetto, tenerezza, sostegno, perché sono tutte cose che per quasi sette anni hai dovuto trovare in te stesso, ma un bambino non può trovare queste cose in sé stesso senza aprire delle voragini di bisogni e desideri insoddisfatti. resta una paura che se dovesse capitarti di cadere, non ci sia nessuno sotto a tenerti, e allora poi diventa difficile lasciarsi andare. Ma tu ricorda che anche se è stato così difficile e ti ha fatto così male, quella capacità che hai avuto di abbracciarti da te, di darti appoggio e conforto anche da solo, nessuno potrà mai togliertela, e sarà quella che ti permetterà anche di cercare e trovare l’amore e il sostegno degli altri.

Hai una testolina (neanche più tanto “ina” in effetti) piena di pensieri, idee, ricordi, paure, emozioni di cui racconti solo dei frammenti, quando e nel modo in cui sei tu a volerlo, come è giusto, ma forse più di quanto spesso le persone siano abituate a fare, specialmente poi persone ancora così “piccole”, e questa è una cosa importante che penso ti potrà essere di grande aiuto. Lasciala sfogare quella testolina. Fidati di lei, ci sono tante cose dentro e so che adesso sicuramente sembreranno anche un po’ caotiche, ma se glielo lasci fare, si districheranno, poco a poco. Datti il tempo, ché senza il tempo non maturano neanche le nespole.

E fidati del tuo cuore, che hai un cuore grande, ma proprio grande grande, tanto che sembra troppo, quasi da far male, sproporzionato persino per quel tuo fisico da cestista che ti sei trovato tra capo e collo senza averlo chiesto, e di cui devi imparare a essere un po’ orgoglioso o anche soltanto a sentirlo tuo e sentirtici dentro. Quel tuo cuore che forse sembra voler scoppiare da un momento all’altro, in certi momenti, e a volte sembra fermo, ma è lì che batte, tu magari non ci pensi, non ci fai caso, ma lui batte al ritmo giusto per te. Anche i tuoi polmoni, dopotutto, se ci pensi, respirano al ritmo giusto per te, senza bisogno che tu faccia nulla. Ci sono molte cose che funzionano e sono buone per noi, anche se non le controlliamo, forse questo potrebbe essere un sollievo, che ne dici?

Fidati della tua voglia di libertà, non lasciarti ingabbiare né dalle persone, né dalle paure. Anche quella va accudita, innaffiata, concimata e fatta crescere. Non è facile, alla tua età, capire la differenza tra fare tutto quello che si vuole ed essere pienamente sé stessi. Accetta le regole che ti permettono di vivere con gli altri e stare bene dentro, quelle che vengono dal rispetto. Mettile pure tutte in discussione, anche qui bisogna darsi tempo, poi s’impara quali sono le leggi che non vanno accettate mai, prendendosene però anche la responsabilità e accettandone le conseguenze. Forse è meglio chiamarli principi, ideali. Perché è dal vivere secondo i principi in cui credi che parte tutto il resto.

Non lasciare mai che ti facciano sentire in colpa. Se hai fatto un errore, dillo a viso aperto, chiedi scusa se pensi che sia giusto farlo. Senza vergogna o imbarazzo, che non sono necessari né utili, quando sai di aver fatto del tuo meglio, perché gli errori li commettono tutti e quindi non c’è bisogno di preoccuparsene troppo. Ma chiedere scusa, spesso, serve semplicemente a dire ok, ho sbagliato ma ti voglio bene e ho voglia di provare a fare ancora meglio, sapendo comunque che se sbaglierò di nuovo, tu capirai.

Perché noi capiamo, sai. Anche quando non ci credi troppo, noi ci siamo. Col nostro modo a volte un po’ goffo, inadeguato, ma ci siamo. Non sei solo. Ecco, soprattutto vorrei che tu sapessi questo, che ne fossi convinto fino in fondo, sicuro, in ogni momento. Non sei solo. Non più.

Annunci

33 Pensieri su &Idquo;Lettera a mio figlio

  1. Fargliela leggere è scelta molto personale, magari ci sarà un momento giusto. Ma i figli spesso sanno più di quanto i genitori credono, saranno affinità affettive 🙂

    • Sanno di più ma forse d’altra parte anche meno di quello che vogliamo credere. Nel senso che si rischia di prendere certe cose per scontate, oppure di rinunciare a spiegarle perché è difficile trovare le parole adatte… comunque molto di quello che è qui dentro sicuramente in qualche modo glielo abbiamo già detto e continueremo a dirglielo, sperando che sappia che lo pensiamo davvero.

      • Ti capisco benissimo. Il mio ha 8 anni e andiamo a periodi. Se ti può consolare sto imparando a relativizzare e a dare meno importanza a tante cose, sto capendo che loro sono MASCHI e quindi in fin dei conti esseri molto più semplici. 🙂 Ho smesso di consumarmi pensando e rimunginando, rimango meno male di alcune rispostacce pensando che sta solo crescendo e misurando i suoi limiti, che non è nulla di personale, e imparo a conoscerlo per l’omino che sta diventando. Però… Quanta fatica questi figli! 😉

      • la nostra situazione è leggermente diversa, non sono tanto le rispostacce (il mio ha 12 anni e sono più che corazzata al riguardo). E’ che alla crisi adolescenziale si aggiungono tutte le domande e i conflitti possibili di un figlio adottivo mooolto sensibile che pur essendo un maschio è un essere tutt’altro che semplice 🙂
        Per il resto, sì, a non rimuginare ci provo ma è la mia natura, e quanto all’omino che sta diventando… se solo ne avesse coscienza sarebbe splendido, ma ha l’autostima sottoterra purtroppo ;(

  2. Magnifica dimostrazione d’amore nei confronti di tuo figlio. Spero che tu gliela farai leggere quando sarà più grande, e avrà più strumenti per capirne anche le sfumature… Un abbraccio

    • Grazie, il fatto è che comunque queste cose devo trovare un modo per dirgliele o fargliele capire in questo momento, ne ha tanto, tanto bisogno. Magari a volte bastano poche parole o anche solo un gesto o uno sguardo ma non sempre. Ricambio l’abbraccio, e grazie

      • Sai, qui magari vengono fuori meno i momenti di sconforto, le paure che ti fanno a volte reagire come non vorresti, i momenti in cui piangi davanti ai figli, le crisi nevrasteniche… certo, voglio ai miei figli un mondo di bene e credo profondamente nelle cose che ho detto, ma non sempre si riesce a mettere in pratica e i figli leggono perfettamente anche le contraddizioni e le incoerenze (e ne sono spaventati). Poi magari da genitori capiranno le difficoltà e si ritroveranno in noi, spero sempre nelle cose migliori, certo, ma di sbagli se ne fanno sempre tanti…

  3. no beh… e non ho parole. che dichiarazione d’amore stupenda… ma tu dici che lui tutte queste cose non le sente già? certo dirglielo sarebbe una cosa stupenda, ma non sempre è così facile e immediato, soprattutto se ci sono situazioni e momenti particolari dietro…
    le relazioni con i figli a volte sono faticosi, ma…
    ho letto gli altri commenti e sei stupenda!

  4. Bella lettera, davvero.
    In qualità di figlia ti dico: fagliela leggere, senza pensarci due volte.
    Puoi scriverla, imbustarla e mettergliela sotto al cuscino. Potrà rileggerla anche quando sarà più grande e sopratutto nei momenti più difficili. Sarà certo di avere una mamma che saprà sempre volergli tanto bene!

    Pensaci, ne vale la pena secondo me!

    Buona serata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...