16. The Fisher King / La leggenda del re pescatore

 

mv5bmtkwmjq3ody2ov5bml5banbnxkftztcwnzmwotc0na-_v1_sy317_cr50214317_al_

Mica pensavate che mi fossi dimenticata del lunedì della recensione, vero? No, non mi sono dimenticata, ma ancora una volta il compito era impegnativo, trattandosi di un’opera complessa, multistrato, che merita secondo me un’attenzione particolare, pur nel poco tempo (e spazio) a disposizione.

E comunque non è facile per me recensire questo film. Non lo amo, ma mi colpisce profondamente. Non tanto perché io davvero creda che i cosiddetti “demoni” di Robin Williams vi si siano materializzati, come Terry Gilliam ha detto di recente. Ma perché è un film dolorosissimo (non ho idea del perché il riassunto di copertina parli di un “comic masterpiece”, tutto può definirsi tranne che comico, direi), in cui la fiaba, la magia, il sogno sono usati per scavare nel profondo della sofferenza umana, individuale e collettiva. Tra parentesi, la leggenda del re è bellissima e io adoro sentire RW che racconta.

E’ anche una storia di redenzione, indubbiamente, di speranza e di poesia e di dolcezza (penso ad esempio alla scena in cui Parry vede la gente intorno a lui danzare perché la gioia di vedere la ragazza di cui si è innamorato trasforma il mondo intorno a lui, tra l’altro una scena bellissima anche dal punto di vista della luce, sembra un quadro). Ma ci si arriva passando attraverso momenti di indicibile tormento.

Jack Lucas (Jeff Bridges) sta per spiccare un salto verso il successo. Conduce una trasmissione radio seguitissima in cui esprime tutto il suo cinismo da salotto inseguendo personaggi noti in cerca di pettegolezzi e rispondendo alle telefonate degli ascoltatori nella maniera più crudele che può. Fino a che un giorno uno dei suoi commenti sopra le righe tocca un nervo scoperto di qualcuno e provoca una tragedia.

Qualche anno dopo ritroviamo Jack perseguitato dal rimorso  (per quanto egocentrico e vittimistico), e incapace di riprendere a condurre una vita normale. Una notte, ubriaco, sta per essere ucciso da una banda di ragazzi dediti ad ammazzare i barboni, quando in suo aiuto arriva Parry (Robin Williams), una sorta di moderno abitante di una Corte dei Miracoli trasferita a New York.

Parry soffre di una forma curiosa di follia, crede di essere un cavaliere e di avere come missione il recupero di un presunto Santo Graal che si troverebbe nel castello di un miliardario della città. In questa missione è ostacolato però da uno spaventoso cavaliere rosso, una sorta di demonio sanguinoso e sanguinario che lo assale con particolare ferocia quando si avvicina troppo alla memoria del suo passato.

Perché come si scopre abbastanza presto, Parry non è impazzito senza ragione. Ha visto morire la moglie amatissima proprio in quella strage che Jack ha inconsapevolmente scatenato. E in qualche modo sembra “intuire” chi è Jack, il senso di questo incontro così improbabile tra due uomini che non avrebbero nulla in comune se non quel legame che dovrebbe semmai separarli da un muro di odio e che invece potrebbe forse essere per entrambi la porta verso un nuovo inizio.

Questo film portò un’altra nomination all’Oscar per Robin Williams, che credo questa volta se lo aspettasse, giustamente, persino più delle altre due. In seguito ci ha scherzato più di una volta, su tutte quelle occasioni in cui si era trovato a dover essere felice per qualcun altro (ma poi avrebbe scherzato anche sull’Oscar, dicendo che dopo la prima settimana di complimenti e congratulazioni, la gente aveva ricominciato a salutarlo, incontrandolo, con “Ciao Mork”) 😀

Annunci

15 Pensieri su &Idquo;16. The Fisher King / La leggenda del re pescatore

  1. beh, il post non lo leggo ché non vado al cinema da 22 anni e ora non ho tempo… aspetto la fiaba, invece…
    con trepidazione.
    (tanto lo so che la recensione sarà magnifica!… ma il cinema in questo periodo non mi attrae… non ci posso fa’ gnente!)
    😉

    • Cara Poetella, magnifiche o no, le mie recensioni hanno un senso se spingono qualcuno a vedere un film che non ha visto, o magari a rivedere un film che ha bgià visto. Questo è del 1991, non c’è bisogno di andare al cinema, anzi, direi che è improbabile trovare una sala che lo proponga 🙂
      Purtroppo anch’io mi trovo spesso a vederli “a pezzi e bocconi” i film, un po’ per sera, perché due ore di relax davanti allo schermo è raro che riesca a trovarle. Per certi film però secondo me ne vale la pena e trovo che questo, con tutto il mio difficile, ribelle, confilittuale sentimento verso Gilliam, sia decisamente uno di questi. Che poi io abbia questa immensa gratitudine e ammirazione nei confronti di RW è soltanto diciamo un di più, la mia personale ciliegina sulla torta. E’ un film notevole in ogni caso… 🙂

      • Bene. Comunque non credo di riuscire a vederlo…
        La sera preferisco leggere e di giorno ne faccio più di, come si dice, Carlo in Francia…
        Poi confesso dinon amare il cinema moderno.
        Preferisco i vecchi film con grandi attori…
        So’ vecchietta… che ce voi fa’!

      • Moderno… mi fai sentire giovane, quando pensando che ha quasi venticinque anni mi ero sentita come dire… un po’ “matura”. Gli attori di questo film sono per me grandissimi, ma capisco che vuoi dire. Secondo me ti perdi qualcosa, non è detto che si debba rinunciare a Cary Grant o Rex Harrison (o chi per loro), per guardare altri attori altrettanto magici, anch’io amo i “vecchi film”. Ma non voglio sembrare insistente. Posterò presto un’altra puntata della fiaba, mi fa piacere che l’apprezzi (uno dei lati che a me attirano in questo film è proprio quello fiabesco…)

  2. confesso che a suo tempo non mi aveva impressionato, anzi mi aveva infastidito per la sua vena favolistica. diciamo che lo avevo guardato “da fuori” mentre tu, come sempre quando c’è di mezzo Robin ti ci sei immersa dentro 🙂
    ml

    • Come forse avrai visto, le fiabe per me sono estremamente importanti, ne ho scritte e ho scritto molto sull’argomento. Secondo me sono un modo molto ingegnoso che l’uomo ha trovato di parlare in modo semplice delle proprie paure e delle proprie sofferenze ataviche, imparando a superarle. C’è qualcosa in Gilliam che trovo estremamente inquietante, che allo stesso tempo mi allontana e mi affascina. Forse si avvicina troppo all’horror in qualche momento, per i miei gusti. Eppure in qualche modo tocca corde profonde, e riguardando il film mi sono resa conto che in parte, probabilmente, mi affascina così tanto proprio perché l’inquietudine che mi provoca va a toccare qualche cosa di profondo di cui voglio sapere fino a un certo punto. Per il resto certo, hai assolutamente ragione, mi ci sono immersa e non avrebbe potuto essere altrimenti 😀

  3. Pingback: 17. Hook | intempestivoviandante's Blog

  4. Pingback: 18. The Fool and the Flying Ship. Read by Robin Williams | intempestivoviandante's Blog

  5. Pingback: L’elenco promesso – I parte | intempestivoviandante's Blog

  6. Pingback: #Film 1921 – The Four Horsemen of the Apocalypse / I quattro cavalieri dell’apocalisse | intempestivoviandante's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...