Pensieri della sera

Lavorare ascoltando Mozart, con un gatto acciambellato sulla sedia accanto. La sera, guardare un telefilm particolarmente amato. Andare avanti con quel libro che è una delle cause di certe tempeste emotive ma anche il momento in cui sono più vicina a me stessa e faccio qualcosa per realizzare un sogno importante. Fare una lavatrice, guardare i fiori sul balcone, tornare al libro, scambiarsi un abbraccio prezioso e poi scrivere ancora. Momenti necessari alla sopravvivenza, ma mi manca scrivere a te. Dicevo qualche giorno fa che sono una lottatrice, e non mi arrendo, no, I won’t give up, ma la battaglia contro la paura di non credere più a niente è la più difficile di tutte e io ti prego, ti prego, ti supplico (begging is supposed to be humiliating. I don’t care), non lasciare che io ti perda e mi perda perché ho paura. Le piccole cose danno molto ma senza qualcosa che vada oltre rischia di mancarmi il senso e il fiato. Quasi faccio forza alle mie dita e ai miei pensieri, per scrivere a te, sperando di tornare a sentirti.

Annunci

9 Pensieri su &Idquo;Pensieri della sera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...