Cuore affamato

Ieri sera ascoltavo Hungry Heart di Bruce Springsteen e i miei pensieri hanno preso a volare. Benché forse abbiano preso spunto più dal titolo e dalla musica che dalle parole.

E’ vero, sai, tutti noi abbiamo un cuore affamato. Ho la mia vita qui, e si potrebbe pensare che sia già abbastanza frenetica. Qualche giorno fa sul blog si discuteva di amore concreto e amore ideale: certo che io concretamente amo, amo di quell’amore fatto di gesti, preparare una torta, quando fai la spesa comprare gli ingredienti per cucinare il piatto preferito di qualcuno; ascoltare i sogni e gli incubi, consolare e appianare e rappacificare; cercare di placare le ansie senza sminuirle, raccontarsi a raccontare; star seduti in due, o tre, o quattro sul letto a guardare un film che magari non è quello che avresti visto, ma è importante farsi compagnia. Sforzarsi di ripassare le espressioni e i verbi be e have got e  sopportare Here Comes the Sun suonata col flauto. Rimettere per la cinquantesima volta a posto i dvd coi film e i videogiochi che sono tutti sparpagliati per ogni dove e quasi sempre nelle custodie sbagliate. Litigare, sgridare, agitarsi per un nonnulla perché si è nervosi e poi dopo una mezzora trovare una scusa per abbracciarsi.

Tutto questo è fonte di energia ma a volte la prosciuga, è tempo che si trova sempre e non si perde mai, e tuttavia passa. Lo senti scorrere. Anzi, sembra più veloce ogni anno che passa.

Eppure ho un cuore affamato. Il mio cuore è lì, in quell’amore concreto, ed è intero, non si risparmia, non batte a ritmo più lento, non annacqua il sangue per rendere più facile spingerlo nelle arterie. tutto resta corposo, denso, vitale.

Eppure il mio cuore resta affamato. E’ intensamente qui e intensamente altrove. Non potrei scrivere se non fosse così. E scrivo, oltre a tutto il resto. Vado cercando qualcosaqualcuno, sì, cerco te, e spesso ti trovo ma qualche volta il senso mi sfugge. Anche se poi dico sempre che le cose non utili sono molto più preziose delle altre. Però tu non ci sei, e quello che hai lasciato, benché sia così tanto, non sempre mi basta.

Il mio cuore resta affamato. L’amore è irragionevole, lo sanno tutti, è una di quelle verità che sono universalmente accettate.

Infatti non sono d’accordo.

Ne ho viste troppe, di scelte irragionevoli fatte in nome di qualcosa che non è amore, non è neanche un calesse, non è niente, anzi, è solo testardo attaccamento al dolore, abbarbicamento a un’abitudine sterile. No, l’amore non è irragionevole, è solo che trova le sue ragioni in una logica insolita. Arricchisce la vita, illumina le zone d’ombra, e questo può anche far male, ma rende ogni altro sentimento più intenso. Allora sì, si può abbandonarsi anche in modo un po’ incosciente, un po’ folle. Il fuoco dell’amore non brucia, la sua luce non abbaglia, però tutto cambia prospettiva, l’angolo visuale si sposta, potrebbe persino capovolgersi il mondo, per un poco, per poi tornare non proprio esattamente com’era prima: resterebbe una traccia, un mare, una montagna, qualche città impercettibilmente spostati, senza danno, anzi, l’effetto finale sarebbe più armonioso. O forse è solo il nostro sguardo a mutare, a restituirci lo stupore del nuovo. Allora io so di amarti in questo modo incosciente e capovolto, con tutto il mio cuore, intero e con tutta la sia forza intatta, e sai bene che non si tratta di una contraddizione.

Il mio cuore è ancora affamato. Spero resti sempre così.

“Hungry Heart”

Got a wife and kids in Baltimore, Jack
I went out for a ride and I never went back
Like a river that don’t know where it’s flowing
I took a wrong turn and I just kept going[CHORUS]
Everybody’s got a hungry heart
Everybody’s got a hungry heart
Lay down your money and you play your part
Everybody’s got a hungry heartI met her in a Kingstown bar
We fell in love I knew it had to end
We took what we had and we ripped it apart
Now here I am down in Kingstone again[CHORUS]Everybody needs a place to rest
Everybody wants to have a home
Don’t make no difference what nobody says
Ain’t nobody like to be alone

[CHORUS]

/

 

P.S. a tutti voi: non ho riascoltato questo brano per caso (il caso non esiste, cit.) ma perché ho scoperto recentemente il blog di Lapinsù, che è un grande appassionato e conoscitore di Bruce, e lo consiglio moltissimo. 

P.S.2 ho deciso di cambiare il titolo, tutto sommato questo mi sembra più adatto

Annunci

8 Pensieri su &Idquo;Cuore affamato

  1. Non potevi trasmettere meglio di così una sensazione di pienezza e nello stesso tempo di continua ricerca, di malinconica assenza, di cammino…il tuo cuore affamato mi sembra un gran cuore, in cui si può trovare uno spazio… Sempre! Voglio leggerla così questa tua voracità e fame 😘 buona giornata Alexandra con affetto

    • pienezza, malinconica assenza, cammino e ricerca, sì, hai colto perfettamente. Ti ringrazio tanto delle belle parole, a volte ho il dubbio che il mio cuore sia più aperto per chi non c’è, diciamo così. Eppure al tempo stesso sento che quell’amore così grande mi aiuta a trovare spazio anche per tutti gli altri. Il cuore è un piccolo organo incredibile, se lo sappiamo usare, ad ogni uso i suoi confini si allontanano, invece di consumarsi cresce 🙂
      Grazie ancora ❤

  2. Grazie aver citato il mio blog, Alexandra, ma grazie soprattutto per questo bel post, realizzato con belle parole che a volta formulano riflessioni profonde.
    Mi ha colpito una tua frase:
    l’amore non è irragionevole, è solo che trova le sue ragioni in una logica insolita
    non già perchè non sia d’accordo o lo sia troppo, bensì perchè è un pensiero che è sempre stato nel mio cervello (e nel mio cuore) senza però trovare il modo di arrivare in superficie.
    Ora l’ha fatto.
    Quindi grazie ancora 🙂

    • Grazie a te… di cuore. Pensieri in libertà, non sono mai del tutto in pace con me stessa, con questi miei desideri che non si lasciano addomesticare. A volte ho pensato che togliessero qualcosa a chi ho vicino, ma credo di aver capito che non è così. Faccio fatica a spiegare e spiegarmi certe emozioni molto forti e sicuramente non “ragionevoli” secondo la logica comune, ma non potrei farne a meno perché sono proprio quelle che mi permettono di guardarmi dentro più a fondo e così forse riuscire a essere più “vera” anche nel mio quotidiano.
      P.S. Aspettavo anche con trepidazione le tue impressioni su “Insomnia” 🙂

      • Ti confesso che il film originale non l’ho mai visto.
        Del remake girato da Nolan, devo ammettere che la cosa più bella del film insieme all’interpretazione di Robin Williams è l’ambientazione: questo Alaska così desolato, eppure vivo di emozioni (purtroppo non sempre positive).
        Mi ha un po’ ricordato un disco del Nostro Bruce, Nebraska.
        A tal proposito, ti segnalo un film che un po’ si avvicina come atmosfere ad Insomnia: Lupo Solitario.
        Il cast è incredibile, il regista è Sean Penn e la sceneggiatura – incredibile ma vero – è interamente basata sulla canzone di Springsteen “Highway Patrolman”, presente appunto in Nebraska.
        Se ti capita, guardalo: confido che non ti deluderà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...