Un piccolo frammento di Genova (e altre cose belle)

Un paio di giorni fa riflettevo che siamo facilmente più generosi quando siamo contenti, specialmente quando la gioia è frutto di fatica e impegno. Avevo almeno due motivi, forse anche due e mezzo per essere contenta. Oggi un po’ meno, diciamo che siamo a uno e mezzo, ma l’impegno resta, quanto meno faccio tesoro di riserve notevoli di pazienza e tenacia, anche una bella dose di testardaggine, se volete. La capacità del giardiniere di aspettare che dal semino nasca una fogliolina, poi due, poi un minuscolo germoglietto, nella fiducia che la pianta continuerà a crescere. Sono i momenti in cui, per esempio, non passo in fretta davanti a chi chiede l’elemosina, mi fermo, lascio qualcosa, a volte solo un saluto e un sorriso, se non ho altro. Qualche volta, non troppo spesso perché in questi casi la timidezza prende quasi sempre il sopravvento, ascolto almeno un frammento della loro storia.

Queste sono le foto dell’altra mattina, quella in cui, tra l’altro, ho ritirato i passaporti e avvicinato il viaggio ancora di un piccolo passo e poi fatto visita agli Embriaci, con la loro piazza e la loro torre, a Santa Maria in Passione e a San Donato, dove sono anche entrata (le foto degli interni sono di quella, un paio soltanto e da lontano, per non disturbare che stava pregando). Tanto per ricordarmi, ecco 🙂 .

Annunci

26 Pensieri su &Idquo;Un piccolo frammento di Genova (e altre cose belle)

    • Grazie, sì, queste certamente sono tra le zone che lui amava e che molti genovesi purtroppo disdegnano, anche se forse queste non tanto come altre, ma ancora in troppi “nei vicoli” non vogliono neanche metterci piede 😦

      • No, è sempre stato così… anzi, prima era anche peggio. Genova è città di porto, da sempre città di emigranti e di immigrati, alla Maddalena la prostituzione conviveva con i palazzi nobiliari da secoli, però se i genovesi non vivono le loro strade… il comune negli anni ha fatto molto, dalle Colombiadi in poi (oggi meno perché i fondi sono scarsi), ma se la gente non ci va, i negozi chiudono. E spesso la paura è decisamente infondata…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...