La gita di stamattina – III e ultima parte. dalla Meridiana al Palazzo della Prefettura

Sveliamo l’arcano, perché non solo per chi viene da fuori, ma anche per i ‘locali’ sembra a volte che il centro di Genova sia fatto di due parti del tutto separate, ciascuna un mondo a sé, che non si incontrano mai e neppure si sfiorano da lontano.

Nulla di più falso: del resto già avete visto che i “carruggi” del post precedente (e di alcuni altri dei giorni scorsi) in realtà nascondono splendidi palazzi nobiliari, per quanto in alcuni casi un po’ decaduti, la cui bellezza comunque è ancora evidente. Ma forse non si ha mai del tutto la percezione che tra Vico dell’Amor Perfetto, per dirne uno, o Vico della Neve e tutto quell’intrico di stradicciuole minuscole e anche un po’ inquietanti che sta intorno alla Maddalena (e sì, la Maddalena si chiama così per un motivo ben preciso e facilmente intuibile) e quello che chiamavo l’altro giorno il salotto di Genova, la parte elegante della Superba, ci sono di fatto dieci metri sì e no. Da Via Garibaldi tutte le strade portano alla Maddalena, e viceversa. Così, dai Quattro Canti di San Francesco dove vi ho lasciati colò post precedente, ci ritroviamo qui direttamente davanti a Palazzo della Meridiana, recentemente restaurato, che divide via Garibaldi da Via Cairoli.

Ho scattato ancora un bel po’, come vedete, perché alcuni portoni che l’altra volta erano chiusi, oggi erano aperti e sono riuscita a fotografare qualche cortile e qualche atrio in più, e il retro del meraviglioso Palazzo Tursi, e altre cose belle. In uno mi è stato detto però che non potevo entrare perché “è una banca, non si può visitare”. Mi chiedo se dicendo che vorrei aprire un conto, mi lascerebbero vedere l’interno…

Nel Palazzo della Prefettura (Doria-Spinola, le ultime foto) invece mi è stato chiesto dove dovevo andare. Alla mi risposta che volevo solo fotografare l’atrio, il gentile carabiniere mi ha guardato un po’ perplesso, forse si chiedeva se la Prefettura si può “visitare” (anche sia pure limitandosi all’atrio), ma non ha posto altre obiezioni.

Con questo per oggi abbiamo finito. Non so nei prossimi giorni cosa riuscirò a fare, ma ci sono ancora un bel po’ di cose da vedere!

Annunci

5 Pensieri su &Idquo;La gita di stamattina – III e ultima parte. dalla Meridiana al Palazzo della Prefettura

  1. Chissà se a Genova c’è la stessa iniziativa che da anni si svolge a Milano in sabato di ottobre: i palazzi più belli delle banche vengono aperti al pubblico per una mattinata, gratuitamente. I più bello sono l’ex banca commerciale (oggi Gallerie d’Italia, in piazza della Scala, su cui ho pubblicato recentemente un sonetto) e la Banca Ponti, tra piazza del Duomo e via Dante, dove hanno conservato la mobilia del primo Novecento e un quadro meraviglioso di Hayez, di loro proprietà, che ritrae Maria Stuarda che sale al patibolo. Discorso a parte è il nuovo grattacielo dell’Unicredit: aprono il venticinquesimo piano, vista pazzesca…

    • Ho saputo tardi che uno dei palazzi era aperto al pubblico l’1 di ottobre, me lo sono perso, ma credo fosse un’iniziativa singola. Qualche volta nelle giornate del FAI aprono alcuni palazzi, sia abitati, sia occupati da banche e assicurazioni ecc. Solo che spesso non ci siamo in quei momenti. Devo farci un po’ la caccia 😀

    • Sì, è spesso così, e Genova ha “l’aggravante” che molti suoi gioielli sono nascosti nei carruggi, che sono caratteristici ma spesso i Genovesi non li frequentano perché sono “malfamati”. In realtà io non sono d’accordo più di tanto ma è un discorso lungo. Il fatto è che ci vorrebbe molto più amore da parte nostra per tutta questa bellezza, molto più orgoglio “benriposto”, meno blateramenti sulla “nostra terra” e più voglia di viversela…

      • e hai ragione nel tuo sfogo. Troppo spesso si usano alibi per sentito dire, perché qualcuno ne ha parlato male – ovviamente mi riferisco ai carruggi genovesi ma potrei estendere il discorso alla parte più malfamata di Ferrara, la mia città – e così si passa accanto a luoghi stupendi senza rendersene conto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...