SABATOBLOGGER 42. – I blog che seguo

2brecommended_blog_0

Franz Una bella presentazione, quella del ‘navigator cortese’, che parte dal presupposto che comunque svelarsi del tutto non è possibile e anche volendo farlo non sarebbe mai del tutto possibile, non solo sul web. La scrittura diventa confine ma al tempo stesso lo confonde, è un modo per arrivare a mostrare un sé più vero, dà ‘corpo alle nostre ombre’, ma è anche un corpo a suo modo sfuggente e non definibile. Di questo tema tratta anche il primo post che ho scelto: il rito e le origini, i fantasmi e le ombre, il mito e la scrittura, il corpo e le ombre… D’incarnato sangue mi riporta a un modo di vivere Dio che è scandalo e sovversione del perbenismo, non dogma e Ah, questa soglia, malinconica consapevolezza della distanza tra ciò che si vede e ciò che si vuole vedere, tra ciò che si desidera e la realtà.

 MrsBean (Margherita) Ho una notevole sintonia di vedute con lei, sia che si tratti di figli, di amore o di altro (pensieri, ansie, desideri…). Sono anche molto giovane dentro, con tanti stancantissimi buoni propositi come lei e insomma, credo che abbiamo davvero molto in comune. Contrariamente a quanto faccio di solito, inserirò tra i post scelti il suo più recente, perché è troppo bello (e tocca anche corde a me vicine) questo essere accanto ai figli mentre vivono, riprovare le emozioni, ricordare le esperienze fatte allo loro età, sentirle in modo del tutto diverso ma altrettanto profondo insieme a loro, e non poterle davvero condividere con loro, soltanto esserci, cercare di ascoltarli senza troppo interferire, trepidare da lontano ed essere pronti ad accogliere loto con tutti i tentativi, gli errori, il dolore e la gioia che appartengono solo a loro. Fossero solo questi… i vorrei che bussano e ai quali a volte riusciamo ad aprire…dello Scrivere. E della felicità. Perché anche per me è così, scrivere mi rende felice, è una cosa che amo moltissimo.

Tamatoni (didattica elementare poesia) ha un ‘motto’ misterioso, Per far dei pensieri fili di seta nera,  credevo fosse una citazione ma non lo è, del resto scrive poesie che trovo bellissime, tutte. Un occhio attento alla natura alla quale affida, in modo tutt’altro che banale, suoni e ritmi che trasmettono i pensieri e i sentimenti tanto quanto le parole. Anche il quotidiano, anche “oggetti poetici” frequenti come i gabbiani o le foglie acquistano un diverso senso, un diverso spessore. Ho scelto Assorto per quella matita che scrive a balzi i suoi attimi, ombra silenziosa di una farfalla bianca, che mi sembra davvero bellissima; Poligoni, brevissima, ma riesce a rendere poetica persino la geometria(e lo credevo un compito impossibile) e Scirocco. Ma sono tutte bellissime.

Largo del Rosso (Mariella Tafuto) Mariella la conosco dai tempi di un antico forum di scrittura, da sempre bravissima, da sempre legata al mare, alla sua terra, a un passato di ricordi ricchi e densi, mi verrebbe da dire pastosi, ma di quei ricordi che hanno una qualità di vita, di presente, di amore che dura e che si muove e cambia, non resta mai uguale a se stesso. Ho scelto questa bellissima Nel prima, che usa una lingua mista, composita, tra antiche ninne-nanne, dialetto che si tinge di sfumature arabe, un occhio sul mondo e uno agli affetti familiari. Anche Arance escola questi elementi, il ricordo affettuoso, il cambiamento, l’uomo di mare che porta i suoi elementi, le sue reti, in un altro ambiente, una collina ventosa, per affezionarsi forse, e riuscire a considerarla casa sua; e quelle arance che diventano elemento di connessione tra ciò che è stato e ciò che è ora, con quel profumo così intenso che può essere talvolta doloroso. Tra qui e lontano invece è una questione di luoghi. E di sguardi.

Vizi di forma (La vergine di Norimberga) Già dal nome psi capisce che humour nero e gusto del macabro sono di casa, l’importante è non prendersi troppo sul serio, e gli scritti sono spesso di una bellezza particolare, coinvolgono e affascinano. Senilità e catarsi è una splendida invocazione/invettiva, mi viene da definirla, nel “racconto” poetico di un vecchio la cui ruga profonda nasconde un bambino; perché nel corso della tua vita è stato seme e poi germoglio e fiore e albero dalle fronde stanche ma la mia ombra è la stessa e lasciare la terra è sempre un compito durissimo Franz Reichelt parla del sarto  che si lanciò dalla Torre Eiffel per provare a volare, forse per diventare una cometa, o ricamare e cucire un enorme vestito fatto di alberi e gente. Troverete poi scheletri, scarafaggi e altri insetti più nocivi di quanto siamo abituati a pensare, e dolci signore che nascondono atroci segreti nel cappellino…

Buon viaggio tra i blog, a sabato prossimo

 

Annunci

14 Pensieri su &Idquo;SABATOBLOGGER 42. – I blog che seguo

  1. Grazie mille per la segnalazione, Alexandra. Mi dispiace non avere più tempo per seguire assiduamente i blog che meriterebbero attenzione, come il tuo e molti di quelli che citi, e per curare il mio. Tra tutto quello che c’è da fare per dovere professionale o familiare, non me ne resta abbastanza per le passioni da coltivare per puro piacere personale. Stamattina, per dire, stavo studiando i materiali di un corso di formazione sulla dislessia e mi ero registrata ad un sito consigliato. Cercavo nella mia casella di posta le credenziali per poter fare il login e scaricare dal sito delle guide utili per le prime classi della primaria, e invece delle credenziali ho trovato il tuo dono.

    • Ci mancherebbe, è impossibile fare tutto. Intanto sono felicissima che per te sia stato un dono, anche per me è difficilissimo seguire come vorrei tutti i blog che mi interessano, anche per questo ho pensato a questa rubrica, che mi serve per non perdere completamente il filo 🙂

  2. Ma grazie Alexandra!!! Avevo già scritto un commento, ma probabilmente ho fatto pasticci! La tua rubrica del sabato da sempre mi appassiona, soprattutto notare l’attenzione che dedichi alla lettura e le tue analisi lucide e profonde. È un ottimo spunto per conoscere nuovi blogspot e ampliare le vedute. Farne parte è davvero un piacere e un onore. Grazie davvero! 😘😘😘

    • P.S. non ho trovato il tuo commento neanche nello spam, ho controllato perché ultimamente ce n’erano finiti alcuni che non erano spam proprio per niente, ogni tanto capita. Ma a volte succede anche di non riuscire proprio a mandarli, è successo anche a me.
      Buona settimana!
      Ale

      • No no, ma devo essere io che probabilmente non ho mandato a buon fine il tutto! Ero in montagna e volevo risponderti subito, stamattina che sono tornata con calma anche per curiosare gli altri blogger, mi sono accorta che non avevo lasciato tracce 😉 Buona settimana anche a te!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...