Doppio Liebster

liebster

Ho un rapporto ambivalente con gli award (come con quasi tutto, specialmente in questo momento), ma mi sono molto piaciute le domande di Giulia e volevo cogliere l’occasione non solo di ringraziarla ma anche di segnalare il suo blog. Una ragazza di 21 anni “appassionata di scrittura, poesia, filosofia e arte” merita sicuramente che andiate a trovarla, e poi è bravissima! Subito dopo è arrivata la nomina di La vita di un laureato e potevo forse non rispondere? Fotografia, musica e letture, un altro blog che vale molto la pena di seguire.

Domande di Giulia:

  1. Che rapporto avete con la scrittura e con l’arte? Sono la mia vita. Scrivo perché mi diverto, scavo, piango, evado dalla realtà, ci entro dentro con tutte le scarpe, mi conosco meglio, condivido, esprimo la mia passione per le parole. Per musica, pittura, fotografia, cinema e teatro ho un amore “amatoriale”, ma molto intenso.
  2. Avete mai pensato di scrivere un romanzo o magari ne avete già scritto qualcuno? Ne ho scritto uno che ho postato a puntate sul blog. Il mio libro più importante, quello che spero molto di pubblicare a breve, non è però un romanzo.
  3. Qual è il vostro desiderio più grande? in questo momento, potrei dire che mio figlio piccolo trovi la strada. Per quanto riguarda me personalmente, che il libro di cui parlavo sia pubblicato e contribuisca nel suo piccolo a mantenere viva la memoria del suo “protagonista”.
  4. Pensate che un buon scrittore debba anche essere un vorace lettore? Sì, senz’altro. Si scrive perché è un’urgenza, una necessità, ma per poter davvero esprimere al meglio quello che si vuole dire, bisogna lavorare moltissimo, è una fatica, anche se una fatica meravigliosa, trovare le parole giuste e la forma per prendersi cura di ciò che si ha dentro. Senza leggere non si impara a farlo.
  5. Leggete molto? Non quanto vorrei, ma abbastanza.
  6. Se siete accaniti lettori, quali generi preferite? Non ho un genere specifico preferito, vado molto a umori, a momenti, a periodi. Mi piacciono molto gli autori che riescono a dire qualcosa di molto intenso, profondo e spesso anche doloroso con una certa “leggerezza” (nel senso inteso da Calvino): oltre a Calvino ad esempio Jorge Amado, Oscar Wilde, Swift, Stevenson, Dickens, tra i più recenti Björn Larsson. Ma amo molto anche i classici e la letteratura “per ragazzi”.
  7. Esiste secondo voi un filo che lega la poesia alla filosofia e all’arte? O sono elementi in contrasto come la passione e la ragione? O anche quest’ultimo contrasto è solo un’illusione? Penso che la poesia, come la filosofia e l’arte, siano modi di esplorare noi stessi e il mondo che ci circonda, e in un certo senso questo vale anche per passione e ragione che forse, più che opposti, sono complementari.
  8. Cos’è secondo voi la Bellezza? Non saprei proprio definirla, allora ho preso alcune citazioni che sento particolarmente vere per me: “L’umanità può vivere senza la scienza, può vivere senza pane, ma soltanto senza la bellezza non potrebbe più vivere”. (Fëdor Dostoevskij); “la bellezza è negli occhi di chi guarda” (proverbio inglese); e questa forse più di tutte: L’irregolarità, ossia l’imprevisto, la sorpresa, lo stupore sono una parte essenziale e la caratteristica della bellezza”. (Charles Baudelaire).
  9. Di solito in che modo trascorrete il tempo libero? Leggendo, scrivendo, guardando film, facendo giardinaggio, ascoltando musica, andando a teatro…
  10. Che rapporto avete con la vostra persona? Mediamente buono, a volte ci litigo furiosamente.
  11. Se vi dicessero di assumere le sembianze di un animale per un giorno, quale vorreste essere? Un lupo: libertà e istinto, ma anche un forte senso della famiglia. E un po’ di ferocia che ogni tanto mi ci vorrebbe.

Le domande di Vita da laureato:

  1. Che rapporto avete con il vostro blog? Ottimo, ci passo varie ore al giorno.
  2. Cosa ne volete fare? Con che scopo è nato e cosa è diventato col tempo? Lo uso per dare voce ai miei pensieri, alle mie passioni, da sempre.
  3. Che tipo di musica preferite e perchè? Amo particolarmente Sting e Bruce Springsteen ma in realtà ho gusti piuttosto eclettici, amo certo jazz, le opere di Puccini e diversi cantautori italiani, per esempio.
  4. Vi piace la fotografia? Se si, Perchè? Pensate sia Arte? Mi piace molto fotografare, non ho una passione enorme per la fotografia come arte, però sì, certo che è arte, mi è rimasta molto impressa una mostra di Ansel Adams, ma penso anche a Helmut Newton, Brassaï… Comunque mi piace curiosare tra foto altrui.
  5. Qual è il vostro film preferito? Good Morning, Vietnam.
  6. Che tipo di studi avete seguito? Cosa vi ha portato a fare quella scelta? Ho fatto legge perché in famiglia c’è stata una forte spinta in tal senso e all’epoca tendevo ad andare incontro alle aspettative. Non mi è dispiaciuto, ci sono ancora alcuni aspetti del diritto e della giustizia che mi appassionano. Ho fatto anche l’avvocato per qualche tempo; poi per fortuna ho smesso.
  7. Chi siete (non le generalità, ma proprio voi, chi siete come persone)? Ma, soprattutto, cosa volete dalla vita? Sono una donna. Potrei fermarmi qui, ma riporterò le parole della canzone di cui parlavo stamattina e che mi rispecchia molto (in questo momento, tra un’ora non so): Dimmi con chi sto parlando/ sei come il giorno e la notte / ed è difficile dire / quale dei due sei / Quando viene lunedì, lei è a martedì, ma quando arriva il martedì, lei è al mercoledì / già passata a un altro giorno / la sua personalità si srotola / come un gomitolo di spago / su un rocchetto che non finisce ma / Quando penso di conoscerla bene / le sue emozioni rivelano/ che non è la persona che credevo di conoscere. 
  8. Preferite libri cartacei o digitali? cartacei
  9. Amate il posto in cui siete nati? Sì, moltissimo, ma ho anche il cuore sempre altrove e da quando ho visto San Francisco non ho più pace, credo che quella dovrà essere la mia casa prima o poi
  10. Sui generi letterari ho risposto.
  11. Che ne pensate della vita? Che a volte è una gran stronza, ma a chi sa amarla incondizionatamente offre momenti di straordinaria bellezza. Che è la cosa più nostra che abbiamo. Che è probabilmente effimera, e che in effetti le cose temporanee sono spesso le più belle. Ma forse non sempre, chissà. Che a volte bisogna fare di tutto per andarseli a cercare i guai. … correre qualche rischioè il sale della vita. E probabilmente l’unico modo per renderla straordinaria.
Annunci

10 Pensieri su &Idquo;Doppio Liebster

  1. Ha risposto benissimo alle mie domande, molto chiara e completa! Sono contenta che le abbia trovate interessanti e la ringrazio per i complimenti fatti a me e al mio blog. Grazie a lei per aver partecipato e, comunque, condividiamo anche la passione per il teatro 😍 A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...