Oggi si torna a volare

Mi scorrono nel sangue giorni di tenera sabbia
un tempo rocce, sgretolate dal cielo e dal mare.
Sciolta la durezza del dolore, non è più l’ora.
Una mano di vernice sugli anni del serpente,
spruzzi di colore sul passato intorbidito
dal fango nero che ristagnava sul fondo del lago,
oggi si torna a volare, il filo dell’aquilone si staglia
contro la volta fertile, colma d’acqua e d’attesa;
come un fantasma gentile la tua ombra s’incarna
tra i miei scaffali, e io rido di me, ma in musica.
Il tuo sassofono che miagola piano un notturno
ha il suono celestiale della fiducia delle stelle
nel mio cuore stonato. Vedi, ti dico,
so meravigliarmi ancora, anche solo del sasso
spostato dalle scarpe, del minuscolo rumore
che fa spostandosi poco lontano sulla strada.
Vedi, dico ancora, tu hai la leggerezza della pioggia,
e anche se non ti vedo, so che sorridi.
Domani riderò del temporale.

Annunci

12 Pensieri su &Idquo;Oggi si torna a volare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...