Per forza ero stanca…

Uff, stamattina, glicemia altissima a digiuno, mi tocca mettermi a regime sul serio, e meno male che mi piacciono la quinoa, il pesce e le verdure e adoro il sesamo, e l’olio mi è permesso (se no sai che ridere, tutto bollito e scondito). Ho postato due ricette neanche poi così golose e subito… zan! La cosa più scocciante è che devo mangiare sempre tutto, primo, secondo e soprattutto contorno, ovviamente in dosi ragionevoli, ma così ogni volta mi tocca cucinare due pasti diversi, una per me e una per i miei compagni di vita e di avventure. Oggi riso e quinoa (spero che la quinoa compensi quel poco di riso che ho mangiato) conditi con filetto di orata bollita e un po’ di carota (come contorno, ogni tanto va bene) e di cipolla prese dal brodo di cottura del pesce. Beh, almeno, se a regime devo stare, mangio il pesce che piace a me.  E per un  po’ non sgarro!

14 Pensieri su &Idquo;Per forza ero stanca…

    • Io non credo che fossero in salute perfetta, solo che appunto, non si controllavano, e spesso morivano molto giovani per varie cause di cui non sapevano niente. Incluso il cibo, perche’ mangiavano poco o troppo e comunque male. Tralasciando la gotta, che riguardava soprattutto le classi agiate, probabilmente proprio a causa dei cibi troppo abbondanti e raffinati, chi superava le varie malattie (anche dovute al fatto di mangiare quasi solo polenta e castagne, come in certe zone che conosco), viveva a lungo perche’ era (molto) piu’ forte degli altri. Io stessa ho saputo di avere la glicemia alta per caso, andando a donare il sangue. Non e’ una cosa che dia dei sintomi evidenti, se non lo sai, puoi attribuirli a mille motivi diversi. Oggi spesso si mangiano cibi spazzatura per troppa fretta, questo e’ vero, e si tende a mangiare troppo, ma non credo sia il mio caso. Quando ero andata dal diabetologo, aveva notato che non ero sovrappeso, e avendogli detto che non fumo, non ho la patente (quindi mi muovo, anche se non regolarmente), non bevo quasi mai e non mi straffogo di dolci, alla fine mi aveva detto, “ma allora come e’ possibile?”. Se non lo sa lei… volevo dirgli. In seguito ho saputo che forse c’erano casi nella famiglia paterna, e quindi probabilmente si tratta di una cosa ereditaria.
      Diciamo che (secondo me) abbiamo una grande possibilita’ di scelta, e purtroppo spesso non sfruttiamo bene questa possibilita’. Ma credo che la nostra salute sia migliore di gran parte dei nostri avi, e potremmo probabilmente stare ancora meglio, non tanto curandoci di piu’ in senso medico, ma “prendendoci piu’ cura” di noi stessi. Scusa il commento fiume, ma la questione mi tocca…

      • Non preoccuparti per la lunghezza del messaggio. Non volevo ricorrere alla monarchia per parlare di diabete ed eccessi vari, mi limitavo agli ’50 e’ 60 del Novecento. Pensavo ai paesi dove il ricorso alle farine e i formaggi era molto alto facendo riferimento a oggi e a come sia cambiata la relazioni con questi nutrienti. Di certo hai ragione anche tu, quando dici che che spesso risalire a un problema è assurdo, ci si risveglia “malati” di colpo, senza apparenti motivi e questo destabilizza poi tutto il nostro comportamento alimentare e gli stili.

      • No, ma nemmeno io. La gotta non e’ certo scomparsa con i re, anzi. Ma in generale (e anche ad esempio quando mi riferivo a chi mangiava solo polenta e castagne) parlavo proprio degli anni a cui ti riferisci tu (padre di mio suocero). Comunque si’, credo che in molti semplicemente non avessero il tempo di preoccuparsi troppo. Se si ammalavano, andavano avanti lo stesso, poi a volte guarivano, a volte si tenevano il male come era, a volte morivano. Il fatto stesso di controllarsi di piu’ fa emergere cose che una volta non venivano fuori. Questo certamente destabilizza, o comunque ci induce a riconsiderare certi stili, ma quando si tratta di cose rimediabili, per me va benissimo cosi’. Sono fortunatissima, perche’ posso sostituire il formaggio e la farina di grano con altro, mentre una volta sarebbe stato difficile!

      • Un mio amico era recidivo con la gotta, ogni tanto ci chiedevamo quale altra malattia rinascimentale avrebbe beccato…
        Una mia amica, invece, pur pesando 40 kg coi vestiti bagnati, ha il colesterolo altissimo (ereditario).
        Le variabili in gioco sono davvero tante, tra dna, ambiente, stress, alimentazione… spero che continuerai a gestire il tuo problema al meglio 😉

      • Pare che la gotta sia in aumento… credo sia legata al consumo di carne, ma come dici tu, i fattori in gioco sono tanti. Per fortuna, nel mio caso almeno, e’ una scocciatura ma (al momento) nulla di piu’. Voglio evitare che peggiori!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...