San Francisco – Diario di viaggio 11 – 2.11.2016 – Bay Tour e camminata sul “lungo-oceano”(Fort Mason e Marina District)

Questa presentazione richiede JavaScript.

Qualche immagine dell’hotel, e poi partenza. Giornata alquanto impegnativa oggi (e mi sono notevolmente scatenata con le foto): prima la camminata fino al Fisherman’s Wharf per il meraviglioso Bay Tour.

 

Poi un giro del Pier 39 e una visitina al Musée Mécanique, che contiene una collezione di oltre 300 giochi meccanici, una delle più grandi collezioni private di questo genere (l’ingresso è gratuito, si paga per mettere in funzione i giochi).

E infine, come da titolo, una bella marcia attraverso la costa, Fort Mason, il Marina District, fino al Palace of Fine Arts e fin quasi a lambire il parco del Presidio che dev’essere qualcosa di stupendo. Eravamo a un passo dal Golden Gate Bridge, che era il mio obiettivo, ma Orsogrande era troppo esausto per proseguire e così abbiamo preso un autobus (facendo ancora un bel pezzetto di strada per tornare indietro alla prima fermata utile e poi per arrivare dal punto di Sutter Street dove siamo scesi fino a quello dove eravamo diretti, che sarà stato un chilometro più in là…) per tornare verso downtown fino in albergo dove, ammetto, mi sono anch’io spaparanzata definitivamente e non mi sono mossa neanche per l’ormai abituale passeggiata della sera.

La Baia e altri pensieri

Niente Tiburon ancora, oggi abbiamo optato per il giro della Baia in battello. Non posso farvi sentire i miei pensieri, né mostrarvi il cambio repentino delle luci. Non posso raccontarvi il vento ma posso aiutarvi a immaginarlo sul vostro viso, mentre in lontananza vedete la città così:

img_20161102_120137

prima di farvi passare sotto il ponte

img_20161102_114100

E poi non contenta dopo il ritorno a terra trascinarvi ancora per un bel po’ di chilometri a piedi attraverso Fort Mason e Marina District fino al Palace of Fine Arts

L’aria di questi luoghi è diventata parte del mio respiro, dopo avermi lasciata senza fiato, me lo ha restituito, ma non è lo stesso di prima, ci sono dentro cose che prima ignoravo e ora cercherò dovunque.