Le novità del blog

Vi racconto cosa ho elucubrato in questi giorni di riordino (?) di idee, le novità che il blog vivrà già da questa settimana (anzi, ha già iniziato in effetti).

Dicono che ci vuole proprio qualche rubrica fissa, e allora proviamoci, dài, volere è potere e anche un po’ volare. Quindi ho pensato questo: il lunedì resta il giorno della recensione dedicata a Robin Williams: cinema, spettacoli ecc. Se mi viene in mente un titolo più originale di lunedì film ve lo dico… (si accettano suggerimenti); il martedì e il venerdì posterò il mio romanzo a puntate Il Bosco; il mercoledì vi parlerò di adozione. Ho pensato di intitolare la categoria Un leone a colazione, non perché abbia attinenza ma solo per la rima, ditemi se vi piace. Il sabato infine potrei dedicarlo ai blog che seguo, parlando di tutti, un po’ alla volta, per esempio raccontando perché mi piacciono e ribloggando qualche post ecc.

Come vi dicevo, non posso fare una rubrica fissa per poesie e racconti perché sono necessariamente (per me) caratterizzati da una certa imprevedibilità, scelgono loro il momento di venir fuori.

Quanto ai libri, potrei mantenere una buona, ariosa irregolarità nelle citazioni, che dipendono molto da quando e cosa leggo, e aggiungere poi una rubrica tipo “La lettrice della domenica” per le recensioni.

Resta il giovedì, ma qualcosa inventerò. tra l’altro ci sono sempre miti e fiabe a cui pensare. Basta che non diventi troppo ordinato, che senza un po’ di bizzarria la vita manca di sale e probabilmente anche i blog 😀

 

Progetti

31356_401603547569_267191297569_4131494_2501333_n

Immagine dal web

Scrivo qui i miei progetti perché in questo momento sto cercando di seguirne davvero tanti, forse si vede, ed è tempo che metta un po’ d’ordine. Almeno per quello che riguarda la scrittura, che in questo momento ha comunque un ruolo tutt’altro che marginale nelle mie giornate.

Non so se davvero sia il caso che suddivida il blog in rubriche giornaliere, a parte la “recensione del lunedì” che è ormai avviata da tempo, sebbene iniziata per caso, le altre cose non seguono un ordine particolare e questo si abbina bene tutto sommato alla mia testa piena di cose e alla mia indole confusionaria. Ultimamente sento una certa esigenza di ordine ma senza esagerare.

Comunque li indico qui, per me stessa, certo, ma se volete aggiungere commenti, idee, suggerimenti, opinioni sono bene accetti sempre 🙂

  1. Dunque, il primo progetto in ordine di tempo, diciamo, era il romanzo che sto pubblicando a puntate ma non so mai se continuare o no perché senza una regolarità nei post penso finisca per “perdersi”. D’altra parte non sono neanche sicura che sia pronto per un altro tipo di pubblicazione, fosse pure in ebook, e quindi… boh…
  2. Il secondo progetto riguardava una raccolta di racconti. Anzi, più di una in realtà. Perché 2a) ho già tre fiabe probabilmente per giovani adulti o adulti che si sentono giovani, una l’ho già postata e ha avuto riscontri positivi, con le altre due dovrebbe costituire una raccolta di fiabe su personaggi “eroici”. Questo quindi è collegato al progetto 2b) del “saggio” sull’eroe nei miti e delle fiabe, di cui mi è stato espressamente chiesto di fare un ebook o una versione pdf comunque, mi piacerebbe rielaborarlo un po’ e allora potrei partire da un pdf per così dire “provvisorio” che renda la lettura più facile a chi ha mostrato interesse (cosa di cui ovviamente sono molto orgogliosa e grata). E poi ci sono 2c) gli altri racconti, anche quelli quasi tutti già postati, ma che mi piacerebbe almeno in parte raccogliere secondo le “affinità”. E questi forse sarebbero i primi a poter dar vita a un ebook e anche (soprattutto?) a un libro cartaceo.
  3. Il terzo progetto riguarda un sogno grandissimo a cui a dire il vero non avevo pensato fino a che non me lo ha suggerito Mela che conosce benissimo ormai questo aspetto di me e lo “incoraggia” con molta grazia e mi viene da dire con molta pazienza. Mi riferisco naturalmente al mio raccontare di Robin Williams e di me attraverso di lui. Potrei scrivere una sua biografia? Uhm, penso piuttosto a una non-biografia, e il senso lo chiarirò in un post a parte.
  4. Ultime ma non ultime ci sono le poesie. Alcune delle quali sono, diciamo, molto collegate al punto 3. altre invece sono “autonome” e comunque a tante sono affezionatissima e mi piacerebbe dar loro una qualche forma di chance 🙂