PECCATI CAPITALI – Superbia

E’ superbia l’orgoglio d’avere in sé una scintilla di divino, superbia la presunzione di poter cercare da sé la strada, tracciare il proprio cammino, costruirsi un dio a propria immagine e somiglianza. E’ vero peccato, la superbia? Non è forse l’umanità al suo massimo splendore, quella che ruba il fuoco agli dei perché sa che gli uomini sapranno, se vogliono, farne miglior uso? E’ virtù la modestia, o solo la viltà di chi finge di non potere solo perché non vuole? Il castigo non potrà, credo, cancellare l’ironia del condannato che in fondo sa di essere migliore del suo assassino.

Superbia